Tasse

TASSE AL POLITECNICO – FINE PRIMO ROUND

La scorsa settimana il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Regolamento Tasse per il prossimo anno accademico: questa approvazione giunge al termine di un confronto serrato con i vertici del Politecnico che ci ha visti impegnati in numerosi incontri per sostenere la nostra proposta di modifica del sistema di contribuzione (illustrata in dettaglio nella precedente nota).

La nostra valutazione complessiva su questo provvedimento, tuttavia, non è positiva e si è tradotta nell’astensione della nostra rappresentante Erica Mangione: nonostante vi sia stato per la prima volta un dibattito approfondito nel merito delle nostre proposte, purtroppo non possiamo dire di essere giunti ad una soluzione soddisfacente.

Le misure volte ad estendere la fasciazione delle tasse per gli studenti part-time sono state integralmente rifiutate poiché nei fatti è mancata, da parte dell’Ateneo, la volontà politica di affrontare e risolvere questo problema. Di conseguenza sono venute a mancare le risorse aggiuntive necessarie per la rimodulazione della penalità applicata agli studenti fuori corso. Questa seconda proposta, pertanto, è stata profondamente modificata perchè ne fosse garantita la sostenibilità finanziaria: ne è derivata una misura che possiamo condividere solo in parte.

Dal prossimo anno, infatti, gli studenti fuori corso iscritti oltre il doppio della durata legale (per la 7^ volta alla triennale e per la 5^ alla magistrale) invece di passare automaticamente nella fascia massima potranno pagare un importo differenziato in base al proprio livello ISEE con un’aggiunta del 25% sull’importo della fascia di appartenenza: una soluzione molto simile alla sovrattassa da noi proposta. Tuttavia, per ammortizzare il costo di questa misura, la penalizzazione per gli studenti fuori corso sarà anticipata di un anno, seppur in misura più contenuta, prevedendo un aumento del 15% sulla fascia di appartenenza per gli studenti che si iscrivono per la 6^ volta alla triennale e per la 4^ alla magistrale. Se da un lato possiamo dunque dirci soddisfatti dal parziale accoglimento della nostra proposta, che renderà più equa la tassazione per un numero importante di studenti attualmente costretti a pagare l’importo pieno indipendentemente dal proprio reddito, dall’altro lato ci preoccupa la scelta di restringere il limite temporale oltre il quale gli studenti fuori corso possono incorrere in forme di penalizzazione, a prescindere dall’entità delle stesse.

Vi è poi, nel nuovo Regolamento Tasse, un’altra misura che non condividiamo ed intendiamo denunciare con forza: per finanziare un incremento da 104 a 230 euro del rimborso per merito è previsto un aumento del 3% sugli importi di tutte le fasce. Si tratta a nostro parere di una scelta politicamente molto grave, poiché tale misura deriva da una precisa linea strategica dell’Ateneo (espressa anche all’interno del Piano approvato l’anno passato) e dalla volontà di incrementare le premialità verso gli studenti ritenuti più meritevoli. Dal nostro punto di vista il Politecnico, tenendo particolarmente a questo provvedimento, avrebbe dovuto investire risorse proprie per attuarlo, anziché scaricarne indebitamente il costo sugli altri studenti.

La ragione per cui l’Ateneo ha rifiutato di farsi carico di questa misura è legata al timore di una penalizzazione del Politecnico nella ripartizione dei «punti organico» che determinano la possibilità di assumere nuovo personale e vengono assegnati dal MIUR tenendo conto delle entrate degli Atenei, includendo nel calcolo anche le tasse studentesche. Questa logica genera un’inaccettabile «guerra tra poveri» contrapponendo gli interessi degli studenti (che non vorrebbero un aumento delle tasse) a quelli dei docenti e dei tecnici-amministrativi (che vorrebbero avere più punti organico per assunzioni e prospettive di carriera) e secondo noi deve essere rifiutata e combattuta alla radice. Tanto più che il Politecnico, anche in un contesto di generale povertà di finanziamenti, continua a guadagnare risorse nella ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario e quest’anno dovrebbe ricevere 4 milioni più dell’anno passato: dunque, non si può certo asserire che non vi siano abbastanza soldi (per approfondire: http://linkcoordinamentouniversitario.it/ffo-2015-chi-vince-e-chi-perde-nella-spartizione-di-una-torta-ormai-troppo-piccola).

Per il prossimo anno, in ogni caso, sarà in vigore questo nuovo Regolamento Tasse, con alcuni (pochi) punti di miglioramento ed altri (molti) aspetti largamente critici. Questo non significa, tuttavia, che la nostra battaglia per migliorare il sistema di contribuzione studentesca si concluda qui: c’è ancora molto da fare e noi non abbiamo intenzione di tirarci indietro.

D’altra parte la riforma del calcolo dell’ISEE cambierà sensibilmente le carte in tavola: in base ai primi dati del Ministero del Lavoro vi sarà probabilmente uno spostamento di molti studenti in fasce più alte e quindi un ulteriore incremento delle entrate per il Politecnico. A questo proposito abbiamo più volte ribadito la necessità di utilizzare i potenziali nuovi introiti per misure a favore degli studenti e di intervenire il prossimo anno per riequilibrare il Regolamento Tasse in modo da non rendere strutturali i probabili aumenti derivanti dal nuovo ISEE (per approfondire: http://linkcoordinamentouniversitario.it/il-51-degli-universitari-ora-ha-un-isee-piu-alto-le-analisi-del-ministero-del-lavoro/).

Per questo da settembre ricominceremo a lavorare, insieme agli studenti, per riformulare nuove proposte sulla base di uno scenario in gran parte nuovo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...